Biografia

Sam Cooke (Clarksdale, Mississippi, 22 gennaio 1931 – Los Angeles, 11 dicembre 1964) è stato un cantante statunitense, autore e produttore di musica gospel, R&B, soul e pop.

Musicisti e critici oggi lo ritengono uno dei fondatori della soul music e uno dei più importanti cantanti della storia di questo genere. È stato definito da molti “il re del soul”, e, anche se più di uno può ambire a questo titolo, il suo influsso è stato forte e il suo impatto sulla musica soul innegabile. Piazzò 29 singoli nella “Top 40” negli USA tra il 1957 e il 1965 ed è considerato spesso come “il creatore” del genere. Grandi successi come “You Send Me”, “Chain Gang”, “Wonderful World” e “Bring It on Home to Me” sono tra le sue canzoni più popolari.

Cooke fu anche tra i primi artisti di colore a occuparsi anche degli aspetti imprenditoriali della sua attività: Fondò sia un’etichetta discografica che una casa editrice come ampliamento della sua carriera di cantante e compositore. Prese anche parte attiva nel Movimento per i Diritti Civili (American Civil Rights Movement), usando le proprie capacità musicali per creare legami tra il pubblico di colore e il pubblico bianco.

Sam Cook nacque a Clarksdale, nello stato del Mississippi. Aggiunse una “e” alla fine del suo cognome perché pensava desse un tocco di classe. Era uno dei sette figli di Annie Mae e del reverendo Charles Cook, un ministro della Chiesa battista. Con la famiglia si trasferì a Chicago nel 1933.

Iniziò a cantare gospel fin da piccolo, guadagnandosi negli anni una certa fama come membro del gruppo “The Soul Stirrers”. Il suo primo singolo pop, “Lovable” (1956), fu pubblicato con lo pseudonimo di “Dale Cooke” per non disturbare i suoi ammiratori gospel; vi era infatti una considerevole avversione verso gli artisti gospel che cantassero anche musica profana. Tuttavia lo pseudonimo non riuscì a mascherare le capacità vocali uniche e caratteristiche di Sam Cooke: nessuno fu tratto in inganno. Art Rupe, capo dell’etichetta “Specialty Records”, la stessa dei “Soul Stirrers”, diede il beneplacito a Cooke di incidere musica profana con il suo vero nome, ma era scontento del tipo di musica che Cooke e il produttore Bumps Blackwell stavano facendo. Rupe si aspettava invece qualcosa di simile allo stile di un altro artista dell’etichetta, Little Richard. Quando Rupe entrò in sala di registrazione e sentì Cooke cantare George Gershwin, si arrabbiò alquanto. Dopo una lite tra Rupe e Blackwell, quest’ultimo lasciò l’etichetta, insieme a Cooke (Greene, 2006).

Nel 1957 Cooke firmò un contratto con la Keen Records. Il suo primo singolo fu “You Send Me”, che rimase sei settimane al numero uno della classifica R&B di Billboard. La canzone ebbe notevole successo anche fuori dal pubblico R&B, tenendo la prima posizione nella classifica pop per tre settimane. Oltre ai successi personali e alla crescente fama anche tra il pubblico pop - un risultato rimarchevole ai quei tempi per un cantante R&B - Cooke continuò a sorprendere l’ambiente discografico degli anni sessanta fondando una propria etichetta, la SAR Records (Greene, 2006), che presto annoverò tra i propri artisti The Simms Twins, The Valentinos, Bobby Womack e Johnnie Taylor. Cooke quindi creò una società di stampa e di gestione, e dunque lasciò la Keen per passare alla RCA Victor. Uno dei suoi primi successi con la RCA fu il singolo “Chain Gang” che raggiunse il numero 2 nella classifica Billboard pop. Seguirono altri successi, tra cui “Sad Mood”, “Bring it on Home to Me” (con Lou Rawls all’accompagnamento vocale), “Another Saturday Night” e “Twistin’ the Night Away”.

Come gran parte degli artisti R&B dell’epoca, Cooke si dedicava più che altro ai pezzi singoli; in tutto ne portò 29 nella classifica “top 40” pop e ben di più, ovviamente, nella classifica R&B. Nonostante ciò, pubblicò anche un album, Night Beat, con influenze blues, che ricevette ottime critiche. La sua fama presso il grande pubblico avrebbe potuto essere maggiore, perché molti suoi pezzi sono divenuti famosi interpretati da altri cantanti.

Cooke morì all’età di 33 anni in circostanze misteriose l’11 dicembre 1964 a Los Angeles. Sebbene i dettagli del caso non siano ancora chiariti, la versione ufficiale afferma che Sam Cooke venne ucciso con un colpo di arma da fuoco da Bertha Franklin, direttrice del motel Hacienda a South Los Angeles, la quale sostenne di essere stata minacciata da lui e di averlo ucciso in legittima difesa. La sentenza fu di “omicidio giustificabile”, anche se molti credono che importanti dettagli non furono trattati in tribunale e che vennero in seguito dimenticati. Cooke fu sepolto a Glendale, in California.

Alcune canzoni furono pubblicate postume, molte delle quali divennero dei successi; tra le altre si ricorda “A Change Is Gonna Come”, una delle prime canzoni di protesta, considerata generalmente come una delle sue opere maggiori. Dopo la morte di Cooke, la sua vedova Barbara sposò Bobby Womack. La figlia di Cooke, Linda, sposò in seguito il fratello di Bobby, Cecil. Cooke fu tra i primi personaggi inseriti nella Rock and Roll Hall of Fame, nel 1986 (Greene, 2006)

Autore modifica: Cesang (data: Gen 10 2008, 17:33)

Collegamento alle fonti

www.wikipedia.it/
http://italian.imdb.com

Tutti i contenuti forniti dagli utenti su questa pagina sono disponibili in base ai termini della licenza Creative Commons Attribution/Share-Alike.
I contenuti potrebbero essere concessi in licenza anche in base ai termini della GNU Free Documentation License.

Dati principali

Generati da informazioni formattate nella wiki.

Nessuna informazione su questo artista

Questa è la versione 1. Visualizza quelle precedenti, oppure commenta questa wiki.

Puoi anche visualizzare un elenco di tutte le modifiche recenti alle wiki.