Biografia

Gli N.W.A. (Niggaz With Attitude), provenienti da Compton (California) ed operanti dal 1986 al 1991, sono stati uno dei più importanti gruppi gangsta rap statunitensi.
Sono annoverati tra i principali ispiratori del loro genere, caratterizzato da testi molto spesso inneggianti a criminalità, violenza, spaccio di droghe, vita di strada e misoginia, tutte queste note distintive dei gangster. Inoltre hanno attirato l’attenzione del pubblico su Compton, tra le città degli Stati Uniti a più alto tasso di criminalità.

Tra i loro singoli i più famosi furono “Straight Outta Compton”, accompagnato da un video tra i più importanti della storia dell’hip hop e quasi un inno della loro città, “Fuck tha Police”, che costò al gruppo un “invito ufficiale a calmarsi” da parte dell’FBI, e “Niggaz 4 Life”, piena di rabbia e che esprime i concetti propri di un “nigga”. Ispirarono e tuttora ispirano moltissimi artisti hip hop, tra cui: Above The Law e Compton’s Most Wanted, loro contemporanei; Snoop Dogg e Tupac Shakur per buona parte degli anni novanta, solo per citarne alcuni; e in questi anni, il rap di artisti come 50 Cent e The Game.

La crew californiana sorse nel 1986 all’interno dell’etichetta Ruthless Records, fondata appena un anno prima a Compton con denaro di dubbia provenienza da Eazy-E (Eric Wright) e Dr. Dre (entrambi già provenienti dal gruppo World Class Wreckin’ Crew), e dal manager bianco Jerry Heller. Il loro nome è acronimo di Niggaz With Attitude.
Oltre a Eazy-E e Dr. Dre (André Romell Young), ne hanno fatto parte MC Ren (Lorenzo Jerald Patterson), Ice Cube (O’Shea Jackson), DJ Yella (Antoine Carraby), The Arabian Prince (Mik Lezan) e The D.O.C. (Trey Curry).
Il loro primo album, Straight Outta Compton, uscì nel 1988. Molti lo ritengono una “sveglia”, in grado di richiamare all’attenzione del pubblico i problemi della West Coast (specie della zona sud di Los Angeles). L’unico ex-componente del gruppo che potrebbe essere considerato un vero gangster è Eazy-E, poiché in passato spacciava droga per conto di una banda locale. Si pensa che fosse anche legato ai Crips, da Kelly Park Compton.
Quasi tutte le canzoni di Straight Outta Compton, erano dedicate alla vita nel ghetto. Delle 13 tracce del disco le prime tre sono le più famose, ed esprimevano dolori e frustrazioni della gente di Compton. La title track parlava della rabbia crescente nella città, “Fuck tha Police” era incentrata sulla violenza della polizia locale, e “Gangsta Gangsta” raccontava la storia di una gang. Ognuno degli N.W.A. imparò le tecniche dell’hip hop e della produzione discografica dagli School Road Boys, che avevano incontrato Dr. Dre negli anni ottanta e avevano contribuito alla produzione dell’esordio; Ice Cube e in parte MC Ren scrissero molti dei testi, mentre Eazy-E provvedeva a creare contrappunti comici con le sue rime. I produttori Dr. Dre e Yella misero giù i beats per ogni brano, e il primo inserì anche qualche suo rapping.

Alcuni testi furono considerati altamente pericolosi, soprattutto quelli di “Fuck tha Police”, il loro brano più noto. Ne conseguì che Milt Ahlerich, uno dei direttori dell’FBI, mandò una lettera alla Ruthless Records e alla legata Priority, avvertendo i rapper che il rispetto della legge “escludeva ogni azione volta ad offendere o imbrogliare la polizia”. Tuttavia, la lettera dell’FBI servì solo ad attirare di più l’attenzione del pubblico.
Il loro esordio fu uno dei primi dischi ad innescare l’adozione degli adesivi “parental advisory” (avviso dei genitori). Peraltro, in virtù dei cambiamenti di mentalità degli ultimi vent’anni, l’etichetta applicata attualmente sulle nuove copie dell’album illustrano un più conciliante “WARNING MODERATE impact coarse language and/or themes” (‘’attenzione – linguaggi e/o temi volgari di impatto moderato’’).
Molti fans e critici considerano Straight Outta Compton uno degli album più importanti del gangsta rap. Inoltre ha ispirato molti artisti hip hop dei decenni successivi.

Ice Cube lasciò il gruppo nel 1989, dopo aver scoperto che Eazy e il suo manager Jerry Heller sottraevano alcuni soldi dai profitti di vendite di ‘’Straight Outta Compton’’.In seguitò si dedico alla registrazione del suo primo album solista, AmeriKKKa’s Most Wanted. Una delle sue tracce, “A Message to the Oreo Cookie”, è un interludio in cui insulti violenti sono indirizzati ad un individuo ignoto – secondo alcuni Eazy-E, poiché la traccia si conclude con un sarcastico “think about it – fuckin’ sell-out” (‘’pensaci – dannato venduto’’).

Gli altri N.W.A. gli rispondero senza troppa forza: cinque mesi dopo allusero poco e in modo morbido all’abbandono di Ice Cube, rappando nella title track dell’EP “100 Miles and Runnin’” che il gruppo “started with five but one couldn’t take it / So now it’s four, ‘cause the fifth couldn’t make it” (‘’aveva cominciato con 5, ma uno se n’è andato/così ora sono quattro, perché il quinto non avrebbe potuto sopportarli’’).
Tuttavia, l’anno seguente, il secondo album Efil4zaggin (cioè Niggaz4Life letto al contrario) mostrò un’esplicita animosità verso il loro ex compagno di band. In molte sue trace non mancano riferimenti derisori ad Ice Cube, e a metà del disco il brano “A Message to B.A.” riecheggia la sua “Message to the Oreo Cookie”. In questo interludio, Ice Cube è chiamato per la prima volta “Benedict Arnold”, come il notorio traditore della Guerra d’Indipendenza Americana. “When we see yo’ ass, we gon’ cut yo’ hair off an’ fuck you with a broomstick” (‘’Quando vedremo il tuo sedere, ci accingeremo a tagliarti i capelli e a usarli per farci una scopa da infilarti dietro’’) promise MC Ren. La traccia termina con Dr. Dre che storpia il messaggio originale di Ice Cube: “Think about it – punk motherfucker” (‘pensaci – sporco bastardo’’).

Col proseguire del tempo, gli insulti reciproci si intensificarono: AmeriKKKa’s Most Wanted aveva evitato attacchi diretti agli N.W.A., ma sul suo secondo album, Death Certificate, Ice Cube tornò a calunniarli. Così campionò e derise “Message to B.A.” prima di cimentarsi in un rap di maggiore durata, “No Vaseline”, in cui accusava gli N.W.A. e i loro soci di avere vari difetti, chiamandoli per esempio “falsi”, imbroglioni”, “omosessuali”. Alcuni ritennero il suo augurio di morte ad Eazy-E esagerato, e i suoi riferimenti alle credenze religiose di Jerry Heller innescarono addirittura le accuse contro il rapper di antisemitismo (“You can’t be the nigga for life crew ,with a white Jew telling you what to do”, cioè “non potete essere una crew di neri a vita, con un ebreo bianco che vi dice quello che dovete fare”). In Gran Bretagna “No Vaseline” fu, per tali motivi, esclusa dalla tracklist dell’edizione locale del disco.
Dopo la morte di Eazy-E e lo scioglimento degli N.W.A. , le tensioni si allentarono: Ice Cube collaborò con Dr. Dre per registrare una traccia per Murder Was the Case, breve film e progetto musicale di Snoop Dogg; inoltre Dre ed MC Ren cantarono insieme in “Hello” di Cube, dal suo album ‘‘War & Peace Vol. 2: The Peace Disc’’ (2000).

All’inizio degli anni novanta, Dr. Dre diede ragione a Cube: infatti scoprì Eazy ed Heller stavano davvero sottraendo più soldi dagli introiti del gruppo. Così Dre abbandonò in sordina gli N.W.A. .Ciò, più di ogni altra faccenda, condusse il gruppo verso lo scioglimento nel 1991. Dre cominciò allora la propria carriera solista, mettendo in piedi la Death Row Records insieme alla sua ex guardia del corpo Suge Knight. Il suo primo album solista fu The Chronic. Nel singolo “Fuck Wit Dre Day”, Dre e Snoop Doggy Dogg (oggi noto com Snoop Dogg) presero in giro Eazy-E; nel video di “Dre Day” Eazy venne parodiato come Sleazy-E, disperatamente in cerca di denaro.

Eazy-E rispose rilasciando l’EP It’s On (Dr. Dre) 187um Killa. Nelle canzoni “Real Muthaphuckkin G’s” (nota anche come “Real Compton City G’s”) ed “It’s On”, Eazy-E si prende gioco di Dr. Dre chiamandolo “she thang” (“checca”), e nel relativo video lo mostrò truccato e con abiti sgargianti. Suge Knight insultò Eazy-E anche dopo la sua morte, parlando della possibilità che uno poteva essere ucciso dall’AIDS Like a Eazy E thang you know? (ovvero “proprio come Eazy E”). Ciò accadde dopo che Dr. Dre e Snoop Dogg avevano abbandonato la Death Row Records.
Nonostante gli N.W.A. abbiano rilasciato solo una compilation, due album in studio e un EP, la loro influenza è stata enorme, e la loro eredità è stata perpetrata nelle carriere soliste degli ex-componenti. Dopo il successo dei loro lavori, gli N.W.A., si sono separati e hanno imboccato carriere proprie.

Nel 1994, Ice Cube tornò a lavorare con Dr. Dre per “Natural Born Killaz”, per la colonna sonora del già citato Murder Was the Case. La loro riunione fu di successo, ed anche grazie ad essa l’album arrivò primo in classifica.
Quattro anni dopo gli N.W.A. si riunirono, e Cube, Dre ed MC Ren registrarono canzoni nuove. Dapprima incisero “Hello”, per il sesto album da solista di Ice Cube, War & Peace - Volume 2 (The Peace Disc). La canzone conteneva la rima: “I started this gangsta shit / And this is the mutherfuckin’ thanks I get?” (“Ho cominciato questa boiata gangsta/E questi sono i dannati ringraziamenti?”). In seguito realizzarono “Chin Check”“, per il film di Cube Next Friday (con Snoop Dogg al posto del defunto Eazy-E). Yella non collaborò a nessuna delle tracce, ma si pensa che sarebbe stato chiamato più tardi, non essendo stato all’Up in Smoke Tour insieme ai suoi ex compagni (che all’epoca stavano registrando le tracce in uno studio mobile). Queste canzoni erano state concepite come parte di un concept album per il ritorno del gruppo, Not These Niggaz Again, con Dre ai beats ed Ice Cube ai testi. Peraltro, a causa delle agende piene degli artisti e per alcuni problemi con le loro labels, il disco non fu mai realizzato. Gli ostacoli principali coinvolgevano tre etichette differenti (Priority, No Limit, Interscope), e riguardavano la tutela del copyright sulla sigla N.W.A., e la pubblicità all’intero progetto per ottenere i diritti esclusivi. Si dice che non fossero riusciti a raggiungere questi obiettivi, così due di quelle canzoni furono aggiunte al Greatest Hits del gruppo.

Vi fu un’altra riunione su Deuce, album del collega The D.O.C.: era il brano “The Shit”, su cui rimano a turno The D.O.C., MC Ren, Ice Cube, Snoop Dogg e Six-Two. Dr. Dre e DJ Yella non parteciparono alla canzone. Ne esiste anche il remix “Tha Shit”, a cui collabora anche Lil’ Eazy, figlio di Eazy-E.
Per percorrere l’elevata influenza degli N.W.A. sia insieme che da solisti, la Capitol e la Ruthless Records rilasciarono nel 1998 The N.W.A. Legacy, Vol. 1: 1988-1998, che contiene tre brani dell’intera crew e molte tracce di ogni singolo componente. Il successo della raccolta indusse le due etichette a pubblicare, due anni dopo, la seconda The N.W.A. Legacy, Vol. 2, due anni dopo. Concettualmente è simile alla compilation precedente, poiché contiene tre brani degli N.W.A. e molti delle loro carriere soliste.

Nel 2003 Straight Outta Compton entrò nella lista dei 500 migliori album secondo Rolling Stone, al numero 144.

Autore modifica: justanotherider (data: Set 25 2007, 16:37)

Tutti i contenuti forniti dagli utenti su questa pagina sono disponibili in base ai termini della licenza Creative Commons Attribution/Share-Alike.
I contenuti potrebbero essere concessi in licenza anche in base ai termini della GNU Free Documentation License.

Dati principali

Generati da informazioni formattate nella wiki.

Nessuna informazione su questo artista

Questa è la versione 2. Visualizza quelle precedenti, oppure commenta questa wiki.

Puoi anche visualizzare un elenco di tutte le modifiche recenti alle wiki.