Biografia

I Mayhem sono una band black metal, originaria di Oslo, Norvegia, formata nel 1984 dal chitarrista Euronymous. Ispirati dal sound di Venom, Celtic Frost, Bathory, Slayer, Sodom e Mercyful Fate, sono giudicati il primo gruppo di questa corrente stilistica. I Mayhem sono anche molto famosi nell’underground del Black Metal per la loro storia controversa, costellata di omicidi, suicidi, performance dal vivo raccapriccianti, vandalismi contro luoghi cristiani; eventi macabri che comunque hanno giovato tanto alla loro popolarità.

Il gruppo nasce nel 1984 come cover band dei Venom. In questo periodo in Norvegia sta nascendo il movimento black metal ispirato dai gruppi più estremi dell’epoca come i già citati Venom, Slayer, Mercyful Fate, Celtic Frost, Bathory.

Il batterista Manheim, il bassista Necrobutcher e il cantante Messiah, assieme al chitarrista e fondatore Euronymous, diedero vita alla prima formazione ufficiale dei Mayhem. La loro prima demo del 1986, è intitolata Pure Fucking Armageddon,ha tiratura di sole 100 copie, ed è seguita subito dopo da Voice of a Tortured Skull. Le due release sono caratterizzate da una grande violenza, sia nei testi che nel modo di suonare, e da una produzione, volutamente, pessima.

Dal 1987 Euronymous inizia ad adottare il corpse paint, ovvero il “trucco cadaverico” già usato dai Mercyful Fate e, ancor prima, da Alice Cooper, che contribuirà al successo della band.

Il 1987 è un anno importante per i Mayhem poiché realizzarono il loro primo Ep, Deathcrush. Il sound non è considerato puramente Black Metal, essendo fortemente ancorato al thrash più estremo di Slayer, Kreator e Sodom. Comunque, Deathcrush è un importante tassello per la nascita del black metal ed è descritto come uno dei migliori capitoli discografici del gruppo norvegese. Alla voce è presente Maniac, anche se Messiah canta ancora, come seconda voce, in Witching Hour (cover dei Venom) e Pure Fucking Armageddon.

Nel 1988 Maniac lascia il posto a Dead, (ex “Morbid”) e alla batteria arriva Hellhammer (ex infermiere di un manicomio). Con questa nuova formazione i Mayhem registrano The Freezing Moon e una nuova versione di Carnage per una compilation, che saranno poi inserite nello split con i Meads of Asphodel (Freezing Moon / Jihad), e si organizzano un piccolo tour in Germania Est e Turchia. Nell’underground la band comincia a essere molto conosciuta e apprezzata. Sotto l’influenza dei Mayhem prende forma la scena black metal norvegese, con band come Darkthrone, Immortal e Satyricon.

Agli albori degli anni ‘90, Euronymous aprì un negozio di dischi chiamato Helvete (“Inferno”) e una piccola etichetta indipendente Black Metal chiamata Death Like Silence Production. Il carisma “malefico” del leader dei Mayhem attirò numerosi proseliti, i quali presero a riunirsi nel retro del negozio. Tale fenomeno diverrà successivamente noto come Inner Circle, fantomatica organizzazione che terrorizzò la tranquilla Scandinavia negli anni ‘90. Azioni comuni dell’Inner Circle erano sia atti vandalici contro luoghi sacri (come gli incendi di chiese e di altre opere cristiane) che aggressioni verso gruppi musicali giudicati incoerenti o venduti (come Therion, Deicide e Paradise Lost).

Nel “The Inner Circle” entrò a far parte anche il giovanissimo Count Grishnackh (in seguito fondatore dei Burzum e conosciuto come Varg Vikernes), che, oltre a diventare il nuovo bassista dei Mayhem, si distinse subito per la sua freddezza nel compiere vandalismi contro il cristianesimo e per le intimidazioni verso altri musicisti metal. Le passioni tetre dei Mayhem erano delle più svariate, ad esempio Euronymous e Dead uscivano nei boschi a sparare agli uccelli o a cacciare i gatti con il coltello. Dead, inoltre, si dice fosse solito inspirare con forza l’aria proveniente da un sacchetto contenente un corvo morto in via di decomposizione prima di un concerto e lui stesso diceva di non essere un essere umano ma una creatura proveniente dall’inferno.

La band continua a suonare un po’ in tutta Europa accrescendo la propria fama. Peculiarità dei loro show era l’atmosfera “infernale” che i Mayhem sapevano sprigionare. Le performance live del gruppo sono rese indimenticabili oltre che dal grandissimo impatto sonoro, anche dal comportamento scabroso della band sul palco. Era di rito esibirsi con vere teste di maiali impalate (esse venivano comprate nelle macellerie) e lanciare animali morti (squartati e grondanti di sangue) sul pubblico.

Nel 1990, in un concerto a Sarpsborg, Dead ruppe una bottiglia e, come aveva promesso all’inizio del concerto per fomentare l’attesa, si tagliò varie parti del corpo, sanguinando sul palco. Tenne duro fino al termine del concerto e, appena terminato, stava perdendo i sensi e fu portato immediatamente al pronto soccorso, riuscendosela a cavare.

1991- Dead, Euronymous e Hellhammer vivevano in un misero appartamento nelle vicinanze Oslo ove solitamente facevano le prove. Un giorno, Hellhammer era andato dai suoi genitori a Oslo mentre Euronymous era uscito per altri motivi. Dead rimase solo e mise fine alla sua vita sparandosi un colpo di fucile (i proiettili furono regalati da Varg Vikernes, entrato solo due settimane prima nel gruppo). Il motivo del fatale gesto non è stato mai reso noto. Euronymous, in un’intervista, disse che Dead era stufo della presenza dei falsi blackster e decise di mettere fine alla sua vita terrena: « Dead voleva fare musica cattiva per persone cattive, ma vedeva solo persone che andavano in giro con tute, cappelli, scarpe da baseball. Le odiava tanto e non vedeva più una ragione per perdere tempo con loro ».

La morte di Dead ha generato varie leggende metropolitane, come del resto tutti i più noti eventi della storia dei Mayhem. Si ipotizza che Euronymous avesse preso alcune parti del cervello per farne un amuleto e, secondo alcuni, anche per mangiarsele. Si dice che i Marduk, i Samael e gli Abruptum abbiano parti del cervello di Dead. Euronymous fece anche le foto al corpo senza vita di Dead, quest’ultime poi finirono sulla copertina del bootleg the dawn of the black hearts. Le foto del cadavere di Dead verranno distrutte poi dal padre di Euronymous, dopo che questi venne ucciso da Varg Vikernes.

Una delle poche testimonianze dei Mayhem con Dead alla voce uscirà nel 1993 ed è Live in Leipzig, album dal vivo che, nonostante una registrazione assolutamente confusa, divverà una sorta di simbolo del black metal. Dopo la morte di Dead, il leader Euronymous recluta alla voce l’ungherese Attila Csihar e alla seconda chitarra Blackthorn.

Il 10 agosto 1993, Vikernes, accompagnato da Blackthorn (che non prese parte parte all’azione) si recò presso l’abitazione di Euronymous, a Oslo. Dopo una brevissima colluttazione Euronymous finì la sua esistenza accoltellato a morte dal bassista dei Mayhem, il suo corpo venne trovato la mattina dopo. Una settimana più tardi Vikernes venne arrestato con l’accusa di omicidio, incendio doloso di chiese, possesso illegale di armi e profanazione di tombe, ricevendo 21 anni di reclusione (la massima pena prevista dal codice penale norvegese). Blackthorn, che secondo Vikernes non aveva nessuna colpa, venne condannato a otto anni per essere stato complice. I motivi di questa spedizione punitiva non sono mai stati confermati a pieno titolo. Molti dissero per motivi politici (Euronymous aveva simpatie staliniste e maoiste mentre Vikernes è un nazionalista e seguace dell’odalismo) o per motivi pecuniari (il fondatore della band doveva dei soldi al bassista, il quale li aveva anticipati per la produzione di un disco dei Burzum).

Al processo (e anche negli anni a venire) Vikernes sostenne di aver agito per legittima difesa, poiché qualcuno gli disse che Euronymous volesse portarlo in una zona periferica per torturarlo, filmandone la sadica operazione e il fatto che Euronymous tentò di aggredirlo quella notte gliene diede la conferma. Ma ovviamente tutte le affermazioni del conte era totalmente false.

Dopo questo truce avvenimento, Hellhammer annunciò lo scioglimento del gruppo sul finire del 1993. L’anno successivo, il batterista fece uscire De Mysteriis Dom Sathanas, primo album in studio della band, che ottiene un enorme successo nel suo genere. L’album riprende alcune canzoni già presenti in Deathcrush e Live in Leipzig, e ne aggiunge di nuove.

Le tracce di basso erano già state registrate da Varg Vikernes ma, per volere della famiglia di Euronymous, si sostiene che furono cancellate e Hellhammer si impegnò a registrarle personalmente ex novo. Tuttavia, Vikernes negò che le parti da lui suonate furono tolte, dichiarando che Hellhammer si limitò solamente a non inserire il nome del bassista tra i crediti. Successivamente usciranno vari bootlegs, fra cui il disco avente una copertina tanto celebre quanto macabra, Dawn of the Black Hearts, che ritrae, come già detto, il cadavere di Dead.

Nel 1995, per iniziativa sempre di Hellhammer (ormai divenuto il “timoniere” della band), i Mayhem si riformano con Necrobutcher al basso, Maniac alla voce, e la new entry Blasphemer alla chitarra. I quattro tornano sul mercato con l’EP Wolf’s Lair Abyss (1997) che viene accolto molto positivamente da critica e pubblico. Visto il successo ritrovato la band parte in tour in America e Europa, al Rainbow di Milano il 2 novembre 1998 registra il live Mediolanum Capta Est, uscito poi nel 1999, con ospite alla voce Attila Csihar.

Nel 2000 esce Grand Declaration of War, lavoro controverso per via di un leggero rallentamento del ritmo della presenza qua e là di alcune clean vocals e di alcuni elementi industrial e avant-garde metal. I Mayhem dimostrano ancora una notevole energia: lo testimonia European Legions, live uscito l’anno successivo anche in versione DVD.

Nel 2003, i Mayhem tornarono a far parlare di sè per i loro atteggiamenti in sede live. Il 14 marzo dello stesso anno, il gruppo tenne un concerto a Bergen. Mentre stavano smembrando una pecora morta, la testa dell’animale si staccò dal coltello di Maniac e colpì alla testa un loro fan, Per Kristian Hagen, che subì una frattura cranica. La band rischiò sei mesi di prigione per aggressione ma, a quanto pare, non avvenne nulla.

Nel 2004 viene pubblicato Chimera, orientato alla sperimentazione come il precedente Grand Declaration of War. Nello stesso anno, Attila ritorna per sostituire Maniac alla voce.

Nel 2007 avviene l’uscita di Ordo Ad Chao, Blasphemer lo ha definito un album pesante e potente e lui stesso lo paragona a Wolf’s Lair Abyss, ma con testi più “filosofici”. Inoltre ha aggiunto che sono state registrate le canzoni più cattive della storia dei Mayhem.

Autore modifica: justanotherider (data: Set 17 2008, 16:14)

Tutti i contenuti forniti dagli utenti su questa pagina sono disponibili in base ai termini della licenza Creative Commons Attribution/Share-Alike.
I contenuti potrebbero essere concessi in licenza anche in base ai termini della GNU Free Documentation License.

Dati principali

Generati da informazioni formattate nella wiki.

Nessuna informazione su questo artista

Questa è la versione 5. Visualizza quelle precedenti, oppure commenta questa wiki.

Puoi anche visualizzare un elenco di tutte le modifiche recenti alle wiki.

Ulteriori informazioni

Da altre fonti.

Collegamenti