Biografia

Guillaume Dufay (anche Du Fay o Du Fayt;[1]) (1397 – Cambrai, 27 novembre 1474) è stato un compositore e teorico musicale francese-fiammingo. Come figura centrale della scuola di Borgogna, fu il più famoso e influente compositore europeo della metà del XV secolo, e la sua opera ha dato avvio al periodo rinascimentale in musica.


Biografia

Data e il luogo di nascita di Guillaume Dufay non sono noti con certezza. Secondo la ricostruzione proposta dal musicologo Alejandro Planchart, egli sarebbe nato il 5 agosto 1397[2] a Beersel, un sobborgo di Bruxelles, figlio illegittimo di un prelato[3] e di una donna di nome Marie Du Fayt.[4]

Marie si trasferì a Cambrai con suo figlio, presso un suo parente che era canonico in quella cattedrale. Presto le doti musicali di Dufay furono note a tutte le autorità della cattedrale che gli diedero la possibilità di compiere degli studi musicali; egli studiò con Jean de Hesdin nel corso dell’estate del 1409, e fu inserito nel coro di voci bianche della cattedrale dal 1409 al 1412, diretto in quegli anni da Nicolas Malin e successivamente da Richard Loqueville. Le autorità, impressionate dalle doti dimostrate dal ragazzo, gli diedero, nel 1411, una copia del Doctrinale Puerorum di Alexander de Villedieu, un evento eccezionale per un ragazzo così giovane.

Nel giugno del 1414, all’età di soli sedici anni, ebbe l’incarico di cappellano della chiesa di San Géry nelle vicinanze di Cambrai. Per le ragioni che saranno esposte più sotto, si ritiene molto probabile che Dufay sia stato presente al Concilio di Costanza (1414-1418) al seguito del vescovo di Cambrai, il cardinale Pierre d’Ailly, uno dei teologi più eminenti dell’epoca.

Dal novembre del 1418 al 1420 fu suddiacono nella cattedrale di Cambrai.

Non sono rimasti documenti sui successivi spostamenti di Dufay fino al 1427, ma a questo periodo appartengono diverse composizioni di Dufay associate alla famiglia Malatesta, il cui esponente di maggior spicco, il principe Carlo Malatesta, era stato legato e portavoce papale al Concilio di Costanza. Questo fa supporre una permanenza di Dufay in quegli anni presso i due rami principali della famiglia, a Rimini e a Pesaro. Il più antico mottetto di Dufay rimastoci, Vasilissa ergo gaude, è dedicato a Cleofe Malatesta sposa di Teodoro II Paleologo despota di Morea (1420), la ballata Resvellies vous alle nozze (1423) di Carlo Malatesta con Vittoria Colonna (antenata dell’omonima poetessa), e il mottetto Apostolo Glorioso all’insediamento di Pandolfo Malatesta come vescovo di Patrasso (1426). Alla corte dei Malatesta Dufay poté incontrare i compositori Hugo e Arnold de Lantins.

Nel 1424 Dufay ritornò a Cambrai, a causa della malattia e della successiva morte del parente presso il quale la madre abitava. Nel 1426 ritornò in Italia, questa volta a Bologna, al servizio del cardinale Louis Aleman, legato pontificio. Mentre era a Bologna fu ordinato diacono e successivamente prete (nel 1428).

L’imperatore Sigismondo di Lussemburgo, ritratto di Pisanello, (1420 circa)A seguito del trasferimento a Roma del cardinale Aleman nel 1428, lo seguì presso la Corte pontificia, dove divenne membro della cappella papale sotto papa Martino V e, alla morte di questi nel 1431, sotto papa Eugenio IV, a cui dedicò i monumentali mottetti Ecclesiae militantis (probabilmente eseguito nella cerimonia di insediamento) e Supremum est mortalibus bonum (per l’incontro di riconciliazione fra Eugenio IV e l’imperatore Sigismondo di Lussemburgo, Roma 1433), oltre al mottetto Balsamus et munda cera dedicato alla tradizionale cerimonia papale di benedizione di immagini in cera dell’Agnus Dei (1431).

Nel 1433 le condizioni politiche ed economiche della corte papale peggiorarono. Nell’anno successivo, una rivolta portò alla costituzione a Roma di una repubblica simpatizzante con il movimento riformatore del Concilio di Basilea, e il papa Eugenio IV e la sua corte furono costretti a rifugiarsi a Firenze.

Amedeo VIII di Savoia, da pochi anni elevato dall’Imperatore al titolo di Duca (probabilmente per controbilanciare l’eccessivo potere dei vicini Duchi di Borgogna), desiderava dotarsi di una cappella musicale adeguata al suo nuovo rango, e colse l’occasione per assumere Dufay come maestro di cappella.

Dufay mantenne comunque rapporti continuativi con la cappella papale. Nel 1436 la costruzione della cattedrale di Santa Maria del Fiore a Firenze fu finalmente completata con la straordinaria cupola del Brunelleschi e, per la cerimonia di consacrazione, officiata dal papa stesso, Dufay compose il mottetto Nuper rosarum flores, una delle sue più famose composizioni. Allo stesso periodo risalgono i mottetti Mirandas parit haec urbs Florentina puellae, che celebra l’avvenenza delle giovani fiorentine, e Salve flos Tusce gentis. Durante questo periodo, e nuovamente nel 1441, Dufay ricevette alcuni lauti pagamenti anche dalla famiglia d’Este. La ballata C’est bien raison è un elogio di Niccolò III d’Este, marchese di Ferrara.

Il papa Eugenio IV (Gabriele Condulmer), a cui Dufay dedicò alcuni grandi mottetti fra il 1431 e il 1436I contrasti fra il papato e il Concilio di Basilea continuarono per tutto il decennio dal 1430 al 1440; nel 1439 il Concilio di Basilea, fortemente indirizzato dal cardinale Aleman, stabilì di deporre papa Eugenio IV ed eleggere al suo posto proprio Amedeo VIII di Savoia (che nel frattempo aveva lasciato le cure del ducato al figlio Ludovico e si era ritirato a vita monastica) con il nome di Felice V, decisione naturalmente contestata dallo stesso Eugenio IV.

Dufay venne così a trovarsi improvvisamente in una situazione delicata, a causa dei benefici conferitigli negli anni precedenti sia dal papa che dall’antipapa, e fece ritorno alla sua terra natìa nel dicembre di quell’anno. Egli ottenne il posto di canonico di Cambrai grazie al titolo di baccelliere in decretis (ossia in diritto canonico), forse conseguito all’Università di Torino negli anni immediatamente precedenti. Uno dei primi documenti che menzionano la sua presenza a Cambrai è datato 27 dicembre 1440 ed è una ricevuta per 36 partite di vino per la festività di San Giovanni evangelista; quanto tempo impiegasse a consumarlo non ci è noto.

Dufay rimase a Cambrai per tutto il decennio successivo: oltre a occuparsi dell’amministrazione della cattedrale, sovrintendette con Nicolas Grenon alla completa revisione e copiatura dei volumi di manoscritti musicali della cattedrale. Nel 1444 subì la perdita della madre Maria, che ebbe il privilegio di essere sepolta nella cattedrale, in considerazione del ruolo e del prestigio del figlio. Nel 1445 Dufay si trasferì nella casa del suo predecessore, che rimase la sua dimora per il resto della sua vita.

Dopo l’abdicazione dell’antipapa Felice V, avvenuta nel 1449, le problematiche in seno alla Chiesa Cattolica iniziarono ad appianarsi. Nel 1450 Dufay tornò in Italia, ed è molto probabile una connessione fra la messa da lui composta in onore di Sant’Antonio di Padova e la consacrazione, nello stesso anno, dell’altare di Donatello nella basilica padovana.

Nel 1452 Dufay si trovava nuovamente presso il duca Ludovico di Savoia, con il titolo di maestro di cappella e consigliere di corte. Poiché Dufay rimaneva comunque canonico di Cambrai, e non risultano pagamenti sistematici a suo favore negli archivi sabaudi, non è chiaro se egli abbia o no risieduto stabilmente presso la corte sabauda negli anni successivi.

Il Duca di Borgogna Filippo III il Buono (1397-1467), ritratto da R. van der WeydenDi questo periodo rimangono numerose composizioni, fra le quali una delle quattro Lamentationes che egli compose sulla caduta di Costantinopoli nel 1453, e la messa Se la face ay pale, probabilmente scritta per le nozze del figlio di Ludovico, Amedeo, con la principessa Jolanda di Francia, nel 1452 (si ritiene che la ballata usata come tenor della messa, scritta anni prima dallo stesso Dufay, fosse particolarmente cara al duca Ludovico e a sua moglie, Anna di Lusignano). Allo stesso periodo risale una lettera di Dufay a Piero de’ Medici.

La messa sul tenor L’homme armé, una delle più note di Dufay, potrebbe essere stata scritta presso la corte sabauda, o più probabilmente negli anni successivi a Cambrai. Insieme alle messe omonime di Ockeghem e Busnois, che risalgono agli stessi anni, essa diede inizio a una serie di innumerevoli messe sullo stesso tema prodotte dai maggiori compositori rinascimentali, fino all’inizio del XVII secolo.

Dufay ritornò definitivamente a Cambrai nel 1458.

Nell’ultimo periodo della sua vita ricevette la visita di altri compositori dell’epoca come Antoine Busnois, Johannes Ockeghem, Johannes Tinctoris e Loyset Compère, che furono poi decisivi nello sviluppo della polifonia nella successiva generazione. Al 1467 appartiene uno scambio epistolare con l’organista fiorentino Antonio Squarcialupi, che su incarico di Piero de’ Medici chiedeva a Dufay di musicare una ballata di Lorenzo de’ Medici; non risulta però che Dufay abbia aderito all’invito.

A questo periodo risale la messa sul tenor dell’antifona Ave regina coelorum. L’ultima canzone che egli scrisse fu un invito a una nuova crociata dopo la caduta di Costantinopoli. Risulta che egli abbia scritto nel 1460 una messa da Requiem, di cui però non ci è pervenuto nulla.

Dopo una malattia durata alcune settimane, Dufay morì il 27 dicembre del 1474. Egli aveva prescritto nel suo testamento che il suo mottetto Ave regina coelorum, in cui aveva inserito il tropo miserere tui labentis Dufay, fosse cantato al suo capezzale, ma non vi fu il tempo di eseguire questa sua volontà. Fu tumulato nella cappella di Saint’Etienne nella cattedrale di Cambrai e il suo ritratto scolpito sulla lapide della tomba. Dopo la distruzione della cattedrale la lastra venne smarrita, ma venne ritrovata nel 1859 e oggi è esposta in un museo a Lilla.


Autore modifica: Loko47 (data: Gen 15 2009, 17:22)

Tutti i contenuti forniti dagli utenti su questa pagina sono disponibili in base ai termini della licenza Creative Commons Attribution/Share-Alike.
I contenuti potrebbero essere concessi in licenza anche in base ai termini della GNU Free Documentation License.

Dati principali

Generati da informazioni formattate nella wiki.

Nessuna informazione su questo artista

Questa è la versione 1. Visualizza quelle precedenti, oppure commenta questa wiki.

Puoi anche visualizzare un elenco di tutte le modifiche recenti alle wiki.