Biografia

I primi successi di Cindy Wyffels, in arte CHASE, risalgono al 1997 con i due singoli “Obsession” e “Stay with me” entrambi dischi d’oro rispettivamente a maggio e ottobre 1997.Gli autori di quei brani erano Kortezman alias Sandro Murru e Manuele Marascia e Toni Verde gli stessi di Blackwood . Il primo album Barefoot uscito a dicembre 97 contiene le versioni remix di entrambi i singoli e rappresenta lo stile di Chase superando di slancio i confini della dance. La tracking list dell’album, è composta da dieci brani. In Wrong or right, il cui testo riflette i problemi e le domande dei nostri giorni, l’estensione della voce di Cindy è davvero notevole. Grazie ai singoli Obsession con il mix di Kortezman e Marascia e Gotta lot of love, con uno special remix di Fargetta entrano subito nelle classifiche ufficiali di vendita e il ritmo trascinante della dance torna in primo piano. Il suono Chase è stato modellato, con abilità, dal produttore e compositore Toni Verde che ne cura anche tutti gli arrangiamenti insieme a Kortezman alias Sandro Murru e Marascia Quella di Barefoot è un’onda musicale che spazia tra sonorità celtiche, rock e ritmiche trip hop. Lo spirito Chase, è libero, intraprendente e avventuroso proprio come Cindy. In questo senso il brano che dà il titolo all’album, il cui testo racconta di una ragazza che vive “on the road” e che cammina a piedi nudi, è un vero e proprio ritratto di musica.

Autore modifica: hardenheart (data: Set 29 2009, 12:44)

Tutti i contenuti forniti dagli utenti su questa pagina sono disponibili in base ai termini della licenza Creative Commons Attribution/Share-Alike.
I contenuti potrebbero essere concessi in licenza anche in base ai termini della GNU Free Documentation License.

Dati principali

Generati da informazioni formattate nella wiki.

Nessuna informazione su questo artista

Questa è la versione 1. Visualizza quelle precedenti, oppure commenta questa wiki.

Puoi anche visualizzare un elenco di tutte le modifiche recenti alle wiki.

Ulteriori informazioni

Da altre fonti.

Collegamenti