Le radici dei Buffalo Springfield affondano nel folk revival, che alla fine degli anni cinquanta è il filone più importante della musica americana.

Nel famoso Greenwich Village di New York si incontrano Stephen Stills (nato in Texas il 30 gennaio 1945) e Richie Furay (nato in Ohio il 9 maggio 1944); entrambi si erano trasferiti a New York armati di chitarra alla caccia del successo come autori o cantanti.

Dopo qualche settimana passata a cantare nelle “basket house” (locali nei quali si guadagnava solo quello che il pubblico metteva in un cestello di fronte all’artista che si esibiva); i due entrano a far parte degli “Au Go Go Singers”, formazione professionale con i quali si recano in tour in Canada. Qui Stills incontra Neil Young (nato a Toronto il 12 novembre 1945). Entrambi si trasferiscono a Los Angeles con l’idea di formare un gruppo rock assieme a Furay, Bruce Palmer e Dewey Martin.

Il primo singolo della band è “Nowadays Clancy Can’t Even Sing” di Young.
Nell’ottobre del 1966 esce il primo album omonimo e più tardi arriva la canzone “For What It’s Worth” (di Stills) che arriva al settimo posto in classifica, ma purtroppo sarà l’unico successo della band (che verrà poi rivalutata nel corso degli anni seguenti).

I seguenti album (“Buffalo Sprignfield Again” del 1967 e “Last Time Around” del 1968) sono pieni di ottima musica ma la band si scioglierà ufficialmente nel maggio 1968.

Autore modifica: svizzero (data: Dic 4 2010, 14:57)

Tutti i contenuti forniti dagli utenti su questa pagina sono disponibili in base ai termini della licenza Creative Commons Attribution/Share-Alike.
I contenuti potrebbero essere concessi in licenza anche in base ai termini della GNU Free Documentation License.

Dati principali

Generati da informazioni formattate nella wiki.

Nessuna informazione su questo artista

Questa è la versione 3. Visualizza quelle precedenti, oppure commenta questa wiki.

Puoi anche visualizzare un elenco di tutte le modifiche recenti alle wiki.