Willa Mae Thornton conosciuta come Big Mama Thornton, (Montgomery, 11 dicembre 1926 – Los Angeles, 25 luglio 1984) è stata una cantante e cantautrice statunitense blues. Sebbene lodata dai critici musicali per la sua voce forte e potente e per le sue performance live piene di passione, non ha mai riscosso un grande successo commerciale. Le sue hit più famose come Hound Dog e Ball and Chain sono state in breve tempo surclassate dal maggior successo popolare che hanno riscontrato le cover rispettivamente di Elvis Presley e Janis Joplin.

Willia Mae Thornton nacque a Montgomery, Alabama, ed era figlia di un predicatore e di una cantante di chiesa. Seguendo le orme della madre, iniziò sin da piccola a cantare nei cori in chiesa. All’età di quattordici anni, dopo la morte della madre, lasciò casa e si trasferì ad Atlanta, Georgia, dove si unì agli Hot Harlem Review di Sammy Green con i quali si impegnò in una lunga tournée attraverso il Sud degli Stati Uniti. Durante questo periodo potè migliorare la sua tecnica vocale e musicale ed imparò da autodidatta a suonare la batteria e l’armonica che spesso utilizzava durante i concerti.

Nel 1948 decise di stabilirsi a Houston dove due anni più tardi effettuò la sua prima registrazione sotto il nome di Harlem Stars. Nel 1951 ottenne un contratto con la Peacock Records; si recò a Los Angeles per collaborare con un altro artista dell’etichetta, il trombettista Johnny Otis, con il quale registrò più di 30 pezzi, tra i quali Partnership Bues. Fino ad allora Willia Mae era riuscita a ritagliarsi un importante spazio nella scena musicale blues, ma il suo primo vero successo arrivò nel 1952 con la canzone Hound Dog, per lei scritta da Jerry Lieber e Mike Stoller, che rimase numero uno nella classifica Billboard R&B per ben sette settimane. Nel 1956 Hound Dog venne ripresa con ancor maggior successo anche da Elvis Presley.

Tra il 1953 ed il 1954 intraprese tournée con Junior Parker e Johnny Ace mentre il 1956 la vide impegnata con il musicista Gatemouth Brown. Verso la fine degli anni cinquanta la sua carriera era in discesa; ritornò in California e si stabilì a Los Angeles. Perse il contratto con la Peacock ma ciononostante continuò ad esibirsi in alcuni club di San Francisco. Riconquistò fama durante gli anni sessanta partecipando al Monterey Jazz Festival nelle edizioni del 1964 e 1966 e girando l’Europa con l’American Folk Blues Festival. Questo brillante ritorno di scena le permise di ottenere un contratto con l’etichetta Arhoolie per la quale registrò gli album Big Mama Thornton With The Muddy Waters Blues Band (1966) e Ball and Chain (1968) contenente l’omonima canzone scritta dalla Thornton che già l’anno precedente Janis Joplin aveva portato al successo cantandola al Monterey Jazz Festival. Durante gli anni settanta pubblicò altri album tra i quali Jail del 1975 registrato durante le sue performance dal vivo nei carceri di Monroe State Prison a Washington e di Washington and Oregon State Reformatory nell’Oregon.

Durante gli anni ottanta, nonostante le sue condizioni di salute non fossero molto buone anche a causa di un suo vecchio vizio del bere, continuò ad esibirsi in vari club della West coast. Morì nel 1984 nella sua casa di Los Angeles per un infarto. Il funerale venne gestito da Johnny Otis e fu sepolta all’Inglewood Park Cemetery.

Autore modifica: [utente eliminato] (data: Gen 13 2008, 19:19)

Tutti i contenuti forniti dagli utenti su questa pagina sono disponibili in base ai termini della licenza Creative Commons Attribution/Share-Alike.
I contenuti potrebbero essere concessi in licenza anche in base ai termini della GNU Free Documentation License.

Dati principali

Generati da informazioni formattate nella wiki.

Nessuna informazione su questo artista

Questa è la versione 1. Visualizza quelle precedenti, oppure commenta questa wiki.

Puoi anche visualizzare un elenco di tutte le modifiche recenti alle wiki.