Biografia

Aphex Twin (Richard David James, Limerick, Irlanda, 18 agosto 1971) è uno dei maggiori esponenti del genere IDM, famoso per esplorare vari stili musicali come drum ‘n’ bass, ambient techno e acid house. È stato definito come una delle figure più inventive ed influenti della musica contemporanea.

Richard D. James è di origine gallese, nato in Irlanda e poi cresciuto in Cornovaglia con la famiglia.

Comincia a produrre musica a 12 anni e già in età adolescenziale si esibisce come DJ insieme all’amico e coetaneo Tom Middleton, suonando in diversi locali fra cui il Shire Horse di St Ives e il Bowgie Inn di Crantock, entrambi in Cornovaglia.

La sua prima pubblicazione è il disco “Analogue Bubblebath”, vinile in cui le ultime due tracce sono da attribuire a Tom Middleton.

Nel 1991 fonda con l’amico Grant Wilson-Claridge la Rephlex Records, per “promuovere l’innovazione dell’acid, un genere di house molto amato e spesso frainteso, allo stesso tempo dimenticato da alcuni e sconosciuto ad altri, soprattutto in Gran Bretagna”.

Tra il 1991 e il 1993 Richard rilascia sotto lo pseudonimo di AFX l’EP di “Analogue Bubblebath” e altri sotto quelli di Bradley Sister e Caustic Windows. Sotto il nome di Aphex Twin rilascia invece “Xylem Tube EP” e “Digeridoo”. Queste prime uscite sono pubblicate dalle etichette Rephlex Record, Mighty Force e R&S.

Nello stesso periodo si trasferisce a Londra per frequentare un corso di elettronica al Politecnico di Kingston, ma presto dichiara ad alcune riviste inglesi che “i suoi studi di elettronica stavano già passando in secondo piano e la musica techno stava prendendo la precedenza”. Dopo avere abbandonato il corso, James resta a Londra e pubblica molti lavori per la Warp Records e altre etichette con svariati pseudonomi (AFX, Polygon Window, Blue Calx, The Dice Man, Power-Pill e altri ancora).

Il suo primo album “di studio” (full-length) è “Selected Ambient Works 85-92”, una collezione di sonorità ambient techno, rilasciato nel 1992 per la Apollo/R&S. Il primo vero disco di Richard D. James è generalmente accolto molto positivamente dalla critica: la rivista online Pitchfork scrive che si tratta “della musica più interessante che è possibile creare con una tastiera e un computer” e Rolling Stone definisce l’album semplicemente “maestoso”.

Due anni più tardi, James realizza un seguito del precedente album, “Selected Ambient Works Volume II”, stavolta edito dalla Warp Records. Il disco, nonostante si richiami direttamente al precedente, ne risulta diverso: il ritmo è lento e la musica presenta sonorità d’atmosfera, molto vicine a quelle dell’ambient vero e proprio.

Nel 1995 Aphex Twin pubblica “…I Care Because You Do”, sempre per la Warp. Lo stile si distacca ancora dai precedenti lavori ambient e acid house. L’album è infatti composto da brani simili e ripetitivi, eseguiti con sintetizzatori analogici e drum machine, e occasionalmente contornati da qualche melodia di archi.

Il successivo “Richard D. James Album”, pubblicato nel 1996 dalla Warp, è il disco di svolta per il musicista anglosassone. Realizzato con una serie di suoni campionati da minicomputer, lettori di cassette audio, effetti sonori provenienti da giocattoli e videogiochi e integralmente registrato con l’utilizzo di sintetizzatori digitali e software virtuali, l’album genera un tale clamore fra la critica da essere inserito da Pitchfork in 40ma posizione nella classifica dei 100 migliori album degli anni ‘90.

In seguito, prima dell’inizio del nuovo millennio, James si concentra su collaborazioni con altri artisti ambient e techno e realizza in questo periodo l’EP “Come to Daddy” e il singolo “Windowlicker”, il cui videoclip (una parodia dei video rap) riceve il premio come “Best Video” ai Brit Awards 2000.

Nel 2001 Aphex Twin pubblica “Druqs”, doppio CD che alterna brani ambient e IDM a sequenze di pianoforte preparato. Alcuni titoli dell’album sono in cornico, un linguaggio celtico imparentato con il gaelico e il bretone, parlato in Cornovaglia, luogo nativo di Richard D. James.

Al 2003 risale “26 Mixes for Cash”, una una raccolta che contiene ventidue remix realizzati dal musicista per altri artisti e quattro tracce originali.

Alla fine del 2004 James pubblica l’EP “Analord 10”, a cui seguono nel 2005 altri della stessa serie, firmati dallo pseudonimo AFX. Sempre sotto il nome AFX, nel 2006 esce “Chosen Lords”, una compilation di tracce dalla serie Analord.

Dopo questi lavori, non c’è stata nessun’altra pubblicazione ufficiale da parte di Richard D. James. Nel 2007 si è cominciato a parlare di un nuovo progetto del musicista, che lavorerebbe dietro il nuovo alias The Tuss. La Rephlex Records ha negato che Aphex Twin sia The Tuss, ma i fans di James hanno ignorato ciò e considerano il nuovo artista come l’ennesimo clone di Aphex Twin.

In un’intervista del giugno 2011 al quotidiano spagnolo El País, Richard D. James ha affermato che un nuovo lavoro è in preparazione.

Autore modifica: Claska (data: Giu 20 2012, 22:49)

Tutti i contenuti forniti dagli utenti su questa pagina sono disponibili in base ai termini della licenza Creative Commons Attribution/Share-Alike.
I contenuti potrebbero essere concessi in licenza anche in base ai termini della GNU Free Documentation License.

Dati principali

Generati da informazioni formattate nella wiki.

Nessuna informazione su questo artista

Questa è la versione 4. Visualizza quelle precedenti, oppure commenta questa wiki.

Puoi anche visualizzare un elenco di tutte le modifiche recenti alle wiki.